A Place for Sport Music and Culture

 

Un Sabato Tranquillo (Vans 50 Years + Festa della Semina)

Posted aprile 15, 2016 by Stefano Gallo in Culture

HOV day2-577

Ciao mi presento

sono Stefano Gallo aka Steggi e sono nuovo qui, dovrei scrivere un articolo sulla festa del 50esimo di Vans, ma io in realtà so solo parlare, e chi mi conosce sa che non so usare la punteggiatura, infatti sto provando a mettere delle virgole ma il “virgola game” non è strong come volevo che fosse, infatti sto pensando che non riuscirò mai a scrivere un articolo sulla festa del 50esimo di Vans, un po per lo stato d’ansia in cui mi trovo, un po per i free drink…

Ciò che posso dirvi è che il flow del weekend è stato esagerato, ho conosciuto un nuovo amico, no non ve lo presento ora, avrete modo di conoscerlo nelle prossime puntate di “il fantastico mondo di Steggi”, ciò che conta ora come ora è che una vecchia conoscenza è apparsa dal nulla, come un miraggio è apparso Dag Bertolaz arcinoto ai lettori di WHIPRIDERS.COM (perché sì, mi sono presentato ma non fino in fondo, sono uno dei ragazzi del crew Whipriders) beh il Dag con la sua apparizione mi ha salvato da ogni stato d’ansia, stato d’ebbrezza e nient’altro!.

S “Ciao Dag grande mi hai salvato”
D “Perché?”
S “Perché scriverai tu le tue sensazioni di questo sabato goliardico nella city!”
D “Ah, ok, ma dopo vado alla festa della semina!”
S “Ottima combo”

(Perché quando scrivo sproloquio, ma nelle conversazioni so essere molto conciso)… Cmq eccoci qui:

HOV day2-333 HOV day2-121 HOV day2-19

Un Sabato Tranquillo secondo il Dag

Sabato pomeriggio, appena dopo pranzo, stavo guardando l’ultimo degli Avengers in streaming e, mentre pensavo a un paio di concetti relativi all’ universo cinematografico Marvel (che il mondo sarebbe davvero bello con un Tony Stark che sa sempre cosa fare per salvarci o come è possibile che non ci sia una singola persona brutta o grassa o bassa) mi sono detto fra me e me “Ognuno crea i propri demoni? Ben detto Iron-Man! Oggi vado a Milano e giuro che non bevo né fumo“.
Alla fine della serata il body-count è arrivato a 6 medie, 2 g inalati e un tot ingurgitati, vedremo dopo come.

Con questa piccola premessa sono ben lontano dall’accusare il mio scarso autocontrollo o l’interruttore nella testa che si attiva dopo la prima birra, tutt’altro: ci sono stati due eventi imperdibili del circuito underground nella città del Duomo, proprio alla vigilia della Milano Design Week, due bombe a mano che hanno coniugato insieme quelli che definirei i capisaldi dell’esistenza umana, senza i quali nulla avrebbe senso e al di fuori dei quali tutto potrebbe sparire. Ragazze carine e musica giusta.
HOV day1-85 HOV day1-105

Mi piace la strategia di mercato del ‘Più prendi meno hai’ (ripreso anche in Iron Man 2 mi sembra)

In una ex-fabbrica si è festeggiato il 50° compleanno di Vans ed è stata una festa coi controcazzi: team Europe, barbieri da Bristol, Crookers, tovagliolini brandizzati, ricchi premi e cotillons. Devo dire che mi piace la strategia di mercato che va a parafrasare l’assioma del ‘Più prendi meno hai’ (ripreso anche in Iron Man 2 mi sembra), rendendolo una cosa come ‘più dai più hai'; infatti ero talmente gasato da questa situazione di festa gratis, musica gratis, magliette gratis, torta, demo di skate (faccio snowboard da 10 anni e vedere degli atleti sempre più piccoli, ce n’era uno di 11 anni, che fanno cose sempre più fighe sullo skate mi fa:
a- sentire vecchio;
b- gasare a bomba),
barbieri hipster, surfisti brizzolati.
Fatto sta che una birra ci stava zio pera!
E poi un’altra.
HOV day1-42 HOV day2-32 HOV day1-62 HOV day2-78 HOV day1-44
Due bombe a mano che definirei i capisaldi dell’esistenza umana: ragazze carine e musica giusta

Dietro l’area skate c’era anche un simpatico viale del tramonto (dove si innescano le bombe) e l’ambiente easy di tutto l’evento trovava qui la sua massima espressione, a confermare ancora una volta che il mondo dello skateboarding è aperto a tutti e tutti sono amici.
A questo punto della cronaca le mie facoltà intellettive hanno subito un drastico calo e il picco ipoglicemico mi ha fatto muovere verso una seconda ex-fabbrica dove c’è stato un evento altrettanto underground.
Mi riferisco alla world famous Festa della Semina del Leoncavallo, di cui seguirà solo un elenco di attività svolte, data la spirale di offuscamento mentale a cui sono andato incontro: cena a base di canapa alla cucina Pop (qualità del cibo davvero alta, a dispetto degli haters), 3 concerti fra reggae, soul e fusion, ultima versione di Superbotte E Bamba (googolatelo), mostra fotografica di un raver e ragazze carine.
Una sabato davvero da ricordare…e secondo me lo ricorderò col sorriso anche quando, fra 2-3 mesi, mi arriverà la multa di quel rosso bruciato sulla via del ritorno mentre ero coccolato dalle dolci carezze di Parvati.
HOV day2-546 HOV day2-538 HOV day1-83 HOV day2-420
Passiamo ora alle pagelle.
Zero a quella tipa che mi ha dato il numero di telefono e oggi mi ha bloccato su whatsapp

10 – La musica durante tutto il giorno e le ragazze carine. Primavera.
 9 – Chris Pfanner. Il migliore sul kicker, gira grossissimo e mi chiude backside 100 in faccia dopo averlo provato un paio di volte, del resto se sei in Vans Europe… Alieno
 8 – Lasagne ricotta e pesto (alla canapa). Ho provato a farle col pesto normale e non si avvicinavano lontanamente, questi l’han fatto senza basilico ed era una bomba a mano. Hell’s kitchen.
 7 – Vans Ink Art. Tatuaggi su scarpe. Utopia
 6 – La nuova versione di Superbotte E Bamba. Con le aggiunte dello zombie-vampiro Mike Bongiorno, Galeazzi, l’androide Berlusconi; unica pecca: ogni tanto si impalla. Turbo.
 5 – I fashion blogger a una festa come House of Vans che si fanno le loro foto col fondo di edera. Poser.
 4 – Sky go. Ho provato a guardare Juve-Milan al Leoncavallo ma non va proprio da nessuna parte. Pacco.
 3 – A quel buttafuori che ha continuato a dirmi “Se esci non puoi più rientrare anche se hai il braccialetto” fino a che il suo collega mi ha detto che potevo rifare la fila. Stordito (anche io).
 2 – Il barbone pazzo che mi ha intortato mezz’ora dicendo che non risultavo nel suo database (sic!). Drugo.
 1 – Il semaforo sul naviglio pavese che alle 3:30 a.m. segna svolta a sinistra verde e dritto rosso. Acab.
 0 – A quella tipa (Alessandra) che mi ha scroccato una siga, si è portata via la jolla con le sue amiche, mi ha dato il numero di telefono e oggi mi ha bloccato su whatsapp! Infame.
Concludo con un pensiero che ho letto su un muro:
“In un mondo che ci obbliga all’eccellenza fare schifo è un gesto rivoluzionario.”
HOV day1-107 HOV day1-89
Io Steggiboy non aggiungo altro, Tanto Ormai (cit.) è lunedì sera e tra soli 4 giorni arriverà un altro weekend.
Siccome il mainstream mi turba dopo aver visto fashion blogger tutto il weekend fingersi skaterboy ma sembrare meno skaterboy di Avril Lavigne 15 anni fa, questo weekend mi ritirerò per praticare sport e ritrovare il mio vero io tra le rocce dei trail dell’alto Garda, vedrò di prendere appunti su qualche aneddoto locale o mal che vada finirò per chiedere racconti a persone incontrate a caso come Dag sabato!
Buona Settimana
Steggi.

About the Author

Stefano Gallo


//via i commenti